news



achab_scritture solide in transito

Ecco. Essi sono un solo popolo e hanno tutti una lingua sola. Questo è l'inizio della loro opera e ora quanto avranno in progetto di fare non sarà loro possibile. Scendiamo dunque e confondiamo la loro lingua. Perché non comprenderanno più l'uno la lingua dell'altro.

facebook
youtube
twitter

<<< Torna indietro

ACHAB - SCRITTURE SOLIDE IN TRANSITO vol. 3
Il Sacro

Rivista Letteraria fondata e diretta da Nando Vitali
(Compagnia dei Trovatori)


"Di cosa siamo fatti? Di qualcosa di stranamente luminoso, certo. Della materia di cui sono fatti i sogni... non saprei.
Ma di certo per il solo fatto di esserci, credenti o meno, dobbiamo chiudere un cerchio. E nella compiutezza di quel gesto, adempiamo al compito di rammendare il tempo, ricucirlo alle origini, sospinti come siamo a portare all'estremo il nostro bisogno di sapere, sfogliando fino all'ultima pagina quel nostro sussidiario dal quale eravamo partiti."

(Dall'editoriale di Nando Vitali)

Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire


UCRONIA

Illustrazione di Giancarlo Beltrame

Era fatto d’ombra.
Ce l’aveva dentro e fuori; oscura come le tenebre, come un dubbio atroce, una domanda senza risposta.
Di cosa era fatta, un’ombra? Lui non lo sapeva, non sapeva neppure leggere e scrivere, né fare ragionamenti. Ma la sentiva. Quando gli entrava dentro, quando si mescolava al sangue divorando ogni molecola di luce e ragione, fin su nel cervello dove si spandeva come un artiglio secco. E allora stringeva. Premeva, schiacciava, strizzava fino a farlo piangere per il dolore.
Così, da bambino. Così, da sempre.