Delos Network colophon | editore | delos store
XML RSS
HorrorMagazine

Twilight

Dove il silenzio muore

Simonetta Santamaria, Dove il silenzio muore - HORROR - Edizioni Cento Autori - Narratopoli - 2008 - pagine 222 - prezzo 14,00 euro - giudizio: buono

“Sara Mattei ha un peso netto di quarantatre anni ma un peso lordo di settanta, quanto sarà la tara?”. La carriera giornalistica l’ha delusa, il compagno non la soddisfa, non ha figli e i genitori sono morti lasciandole in eredità “La Silenziosa”, una villa tanto bella quanto sinistra ai piedi del Vesuvio. E sarà proprio la decisione di ristrutturare “La Silenziosa” a metterla di fronte a un passato oscuro e minaccioso, a segreti da riportare allo scoperto, per sciogliere la maledizione che la lega a strane visioni di morte. “Ventisette anni di tara erano davvero troppi. La gente si affanna per perdere chili, lei doveva perdere tara se non voleva rimanerci sotto. Schiacciata”.

La maledizione torna a colpire non appena Sara rimette piede nel Borgo della sua infanzia ed è per questo che, se in un primo tempo i compaesani la riaccolgono con calore, l’incubo diventa all’improvviso troppo reale, perché gli occhi e le dicerie le non si rivolgano contro.
Il mistero della maledizione risale all’antico Egitto e a un medaglione raffigurante l’Ouroboros che, passando di volta in volta in mano a svariati personaggi, li snatura e li porta ad agire secondo un’imprevista e brutale bestialità. Col procedere della narrazione scopriamo che i vari decessi sono collegati ad altre morti avvenute anni addietro nella famiglia della protagonista. Solo tre anziani del paese (il prete, il medico e un ciabattino) e un compagno d’infanzia conoscono — forse — il modo per annientare la maledizione, solo che... ma il resto va lasciato al lettore.

Con una scrittura semplice e mai enfatica, Simonetta Santamaria ci riporta nei luoghi a lei cari già a partire dal racconto vincitore dell’XI edizione del Premio Lovecraft 2004 (Quel giorno sul Vesuvio, per chi non se lo ricordasse) per raccontarci una storia macabra e angosciante, di segreti e di morte, che non ci lascia mai un attimo di respiro. I capitoli brevi, snelli e chiusi sempre al punto giusto non permettono al lettore di riporre il libro e la narrazione scorre veloce e ineluttabile come lava. La suspense è mantenuta ad alti livelli anche grazie alla scelta di dedicare ogni capitolo al punto di vista di uno dei tanti personaggi che compongono il ‘cast’ della vicenda. L’ottima caratterizzazione di questi ultimi, inoltre, fa sì che ogni figura del paese, semplici macchiette in potenza, all’atto s’imprima invece nella nostra memoria e ci lasci un ricordo indelebile delle voci e dei volti (dall’ ‘ominide’ Peppe, al bullo Pietro, dalla fragile Lilia, all’animalesco Rosario, etc.). Le incursioni nel dialetto si rivelano sempre di facile lettura, senza mai ostacolare la comprensione anche di chi ne è digiuno, colorando in modo efficace i dialoghi e le situazioni.

Questo stile estremamente semplice non risulta mai noioso, anzi, riesce a compensare ed equilibrare l’intensità delle descrizioni dei paesaggi e delle atmosfere, sempre suggestive ed evocative.

E sono proprio le ambientazioni, uno dei punti di forza dell’autrice, che ha trovato a Napoli e dintorni il suo Maine, dimostrandoci che non c’è bisogno di essere esterofili per proporre un prodotto valido in ambito Horror, e che le fascinazioni italiche sono anche più misteriose, antiche e godibili di qualsiasi altro microcosmo.

Alcuni nei stanno probabilmente nell’epilogo (un’aggiunta prevedibile, quando tutto poteva ottimamente fermarsi due pagine prima) e nei flashback e nei ricordi della protagonista, troppo “raccontati”, mentre qualche dialogo in più avrebbe forse velocizzato l’azione; i sogni e le visioni, invece, risultano intriganti, di matrice hitchcockiana, laddove preannunciano al lettore un qualcosa che gli altri non sanno, mantenendo alta la suspense.

Sicuramente un buon romanzo quello di Simonetta Santamaria, carico di spunti interessanti e di rivisitazioni originali di trovate che lo sono un po’ meno.

Si tratta in definitiva del caro vecchio cliché della casa maledetta. Un’idea già letta e rivista in tutte le salse. Il pregio della Santamaria sta nell’aver ‘immaginato’ una nuova ricetta.

E chi potrebbe mettere in discussione le salse napoletane?

Autore: Irene Vanni - Data: 10 giugno 2008

Risorse in rete

Recensioni di altri libri di Simonetta Santamaria

Dove il silenzio muore: dai il tuo voto

Voti dei lettori

3 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Vota questa recensione

Voti dei lettori

7 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 L'ho letto... è bello! L'articolo ha ragione a dire che non è noioso... un lato negativo secondo me starebbe nella pubblicazione. Non conosco molto i "CentoAutori" è non voglio lamentarmi con loro, ma pubblicarla in una casa editrice più conosciuta sarebbe stato un ottimo mezzo per far conoscere l'opera, e chissà; importarla all'estero e far valere l'horror italiano fuori i nostri confini...

» postato da Aedo89 alle 23:42 del 12-07-2008

2 Caro Aedo, questa non è certo una colpa di Simonetta :wink:

» postato da Irene Vanni alle 09:11 del 13-07-2008

3 «Caro Aedo, questa non è certo una colpa di Simonetta :wink:»Hai ragione! :D In ogni caso la copertina è molto bella e anche la storia... spero che l'autrice diventi conosciuta!

» postato da Aedo89 alle 22:13 del 13-07-2008

4 Lo spero anch'io. E spero anche ci siano sempre più persone come te che si appassionano all'horror italiano :)

» postato da Irene Vanni alle 07:57 del 14-07-2008

5 Eh già, caro Aedo, sarebbe stato perfetto (anche se non più bello) se avessi pubblicato DOVE IL SILENZIO MUORE con una grossa casa editrice, tutto sarebbe stato più facile, magari avrei già venduto i diritti all'estero... ma come certamente saprai, l'horror viene ancora guardato con sospetto, gli editori non investono facilmente in un genere considerato ancora di nicchia e per di più su un libro scritto da una sconosciuta. L'editoria è anche business, e il grosso editore non ha certo bisogno di me. La Cento Autori è una casa editrice neonata ma che sta facendo grandi e coraggiosi passi. Ecco perché mi batto, così come ho fatto e faccio ancora per Il Foglio che ha pubblicato il mio Donne in Noir, affinché si acquistino anche libri della piccola editoria, per dar maggior voce anche a bravi scrittori che non sono ancora emersi ma che hanno tutti i numeri per farlo. Sono contenta che il libro ti sia piaciuto: come nel tuo caso, sei stato soddisfatto di un qualcosa che non viene dai big, dai grandi nomi. E' questa la prova che non è sempre necessario acquistare un bestseller per avere tra le mani un buon libro. Il resto è un buon passaparola... e un po' di fortuna, quella con la C maiuscola!

» postato da silver alle 21:36 del 21-07-2008

6 «per di più su un libro scritto da una sconosciuta.» Ora non esagerare! 8)

» postato da Irene Vanni alle 09:13 del 22-07-2008

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.